.
Annunci online

LadyMarica [tagliatele la testa!] legge sashimi e mangia filosofia
10 aprile 2012
Nota Bene
Tanto per dire cose che qualche essere vivente, e nelle donne è una roba triste, capisce solo dopo i centomila anni.

Non è che se lei fa "ah-ah" allora gode per davvero.
(semi-cit. da Marracash -In faccia)

13 marzo 2012
Ambiguità
Questa colonna
ha un buco: vedi
Persefone?
(Giorgio Seferis)
 

Chiusa, ermeticamente, come un riccio. Senza eleganza però, non provateci a ficcarmi in quel romanzo.

15 marzo 2011
580 Ma parla di me?
            Un'anima che si sa amata, ma che da parte sua non ama, rivela la propria feccia
-quel che c'è più d'infimo, in essa, si rivela.  
                                                                                                                             
Friedrich Nietzsche
Al di là del bene e del male
 
Non mi sembrerebbe ci si dabba aggiungere nulla francamente, se non il titolo dell'opera di provenienze. Insomma, l'opera di provenienza io ce la aggiungerei solo per sottolineare come Nietzsche non stia proponendo un giudizio, una morale, un giusto delle cose, ma stia semplicemente mostrando un aspetto umano, tanto umano, più umano di quello che siamo abituati a pensare. Nietzsche ci mostra quello che evitiamo di sapere di noi.
 
Questa non è filosofia, questo è un invito a conoscere se stessi, un invito a sostituire alla "morale generale" (che è un termine che non significa nulla, che è un termine che usiamo per mascherarci di falsità) la volontà di verità (che non è verità e non è nemmeno sicurezza di arrivarci).
 
Sì, lo so quello che pensate: "Amen".
22 luglio 2010
455 Decisioni per la serata

Fase acuta di romanticismo:

 

"non so bene cos'è,

forse troppi caffè,
ma stanotte non riesco a dormire
e l’amore lo faccio da me" 
                                                                                                                                                                                   
                                                                                           (Alex Britti -7000 caffè)
 

 

Intrapersonale* e autonomo certo, ma comunque è romanticismo.

 

 

 

 

(Disegno di Gustav Klimt, 1916/17. L'ho fotografato personalmente da un libro.)

 

 

 

(*)intrapersonale è una parola che esiste nella lingua italiana, anche se io non lo avrei detto, non veramente insomma.

24 febbraio 2010
368 Eh, succede...

Ecco un altro dei miei limiti: io non sapevo dirti che
solo pensarti mi dà i brividi anche a una stro*** come me.

Ed è per questo che io sono qui,
e tu lontano dei chilometri
che dormirai con chissà chi, adesso lì...

(Riadattata su Samuele Bersani -Spaccacuore)


Non temete, il tempo della "sentimentalità" (okay, lo so, sarebbe più esatto dire "del patetico -ma è di me che stiamo parlando!), solitamente, mi dura circa tre giorni. In quel tempo, lungi da me l'idea di attaccare il morbo, mi chiudo in casa e ogni volta che mi viene in mente di scrivere un post, anche vagamente somigliante a quello in superficie, inzio a strangolarmi.
Questo post è un'eccezione.
Sfortunatamente per voi che lo state leggendo, certo.

29 dicembre 2009
329 Niente più
Tu sei il solo nome che mi viene quando cerco le parole...(cit)

E quello sopra è il motivo per cui quando scrivo una parola mi sembra come di sollevare un macigno.

Oddio, non volevo fare una metafora poetica-patetica, volevo solo descrivere una sensazione.
La cercavo reale però, non figurata.
Tipo: "spesso il male di vivere ho incontrato".
In effetti, ho scritto qualche poesia, ma sono lieta di poter dire che facevano tutte pena!
(lieta per averlo almeno capito)


Detto questo, facciamoci coraggio e raccontiamo altri fatti.

Ho perso il portafoglio con dentro la cartà di identità, il bancomat (il pin, sì!), la patente e la tessera sanitaria.
Vado dai carabinieri per fare la denuncia.

Carabiniere: "cosa c'era dentro il portafogli che ha smarrito?"
Io: "carta d'identità, bancomat, patente, tessera sanitaria..."
Carabiniere: "bene. Facciamo la denuncia. Mi dia un documento."
Io perplessa: "ehm, erano tutti all'interno del portafogli"
Carabiniere: "okay, non si potrebbe ma...vabbene anche la patente"
Io: "ehm...anche la patente era lì"
Carabiniere: "ah, bè allora iniziamo con il richiedere copia della patente alla motorizzazione, serve la carta d'identità"
Io sorridendo: "non ho la carta d'identita! Era nel portafogli!"
Carabiniere: "non c'è bisogno di dirlo, avevo capito! Bè, vada a casa e faccia una fotocopia, andrà bene lo stesso..."
Io: ...(?)

Bè, comuqnue non ha detto "vadi", come anche poteva succedere.
Passi avanti, grandi passi avanti dal tempo delle barzellette.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. baglioni denunce solo ironia carabineiri

permalink | inviato da LadyMarica il 29/12/2009 alle 17:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (15) | Versione per la stampa
13 novembre 2009
293 Cercando Baricco, trovando me
(Baricco ha scritto una lettera -in seta- meravigliosa. Profumata di erotismo ed elegante. Di qui il titolo)

Come capita spessissimo oramai, le persone con cui "approfondisco" una conoscenza e che hanno consciuto prima LadyMarica e poi Marica, mi dicono che io sul blog sono "diversa".
O per usare le parole di MelaAcerba che io predico di fare una cosa ma poi ne faccio (o non faccio) un'altra.

Sessualmente parlando soprattutto.

Oh, ma anche se io armonizzo nella sfera erotica (linguisticamente parlando) molto spesso non significa che poi utilizzi davvero un vibratore o frequenti circoli scambisti (anche se adoro dirlo) o faccia sesso con più di quattrodici persone alla volta (ma tredici senza dubbio!).

Tutto parte dall'essenza di Dorian Gray...
L'innamoramento, il corteggiamento, la perfezione del gusto dell'avere ma mai l'avere stesso.
Il fare intendere molte cose per poi farne molto meno.
In una sola parola la seduzione.
Senza che questo sedurre, ovviamente, impichi concedere molto a nessuno...

Ed ecco la differenza tra una donna libera e una mercante.
La differenza che rende Dorian Gray divino e Raffella Fico una...tr...ehm...vergine.
(Non sapevo vergine si usasse anche per l'apparato celebrale!)


(
http://blog.libero.it/ilramorubato/)


Pubblico quanto segue senza spiegazioni.
L'ho scritto per trasporto e visioni...


Le tue dita, le mie dita.
Lo so, sono gelata.
Ti guardo e sorrido, è un modo di scusarmi.
Le tue dita, si intracciano alle mie.
E' paradossale, noi che bruciamo di tocchi adesso uniti solo da quel lieve sfiorarsi.

E poi le tue labbra.
Le sento sulle mie dita.
Su ogni dito, lentamente.
Un bacio che mi tormenta, e un calore che si diffonde.
La stretta diventa più salda.
Nessuno dei due vuole smettere.

E poi ancora le tue labbra.
Non ho il coraggio di guardarti, ma ora le sento sulle mie labbra.
E poi scendono...
Sul collo, mio dio, sento un’agitazione salirmi alla testa.
Le tue dita scansano piano la maglietta e il bacio invade la pelle.
Mi baci lì, dove c'è la clavicola.
E il calore scende, e si diffonde ancora.

Ti avvicini.
E una stretta che toglierebbe fiato a chiunque, mi fa sentire il tuo corpo appoggiato al mio.
E il mio, che si muove, che vuole di più.
Cerca di darti di più, di farsi sentire interamente.

Le tue mani inziano a muoversi in maniera più strana.
Le sento sulla schiena, salire, scendere..
Farsi spazio tra i vestiti.

Sotto la maglietta mi tocchi il seno.
Mi viene spontaneo nascondere la testa tra la spalla e il tuo collo.
E la maglietta, non senti com'è ingombrante?
E' un pensiero che non dico.
Ma tu, guidando abilmente, sollevi i lembi e la sfili.
Mi si mozza il respiro.
E sento una lacrima invedermi la mente.
Perché una lacrima nemmeno lo so.
Ma sono felice, proprio dove voglio essere, tra le tue braccia.

Il mio seno è ancorato al tuo petto.
Ma sento che il tuo sguardo vorrebbe di più, mentre le tue mani già lo hanno ottenuto.
Si muovono con incessante passione toccandomi.

Non credo di resistere.
I baci si fanno più intensi, scendono e risalgono.
Non mi ricordo nemmeno come sono finita distesa per terra, ricordo solo che tu sei con me.
Cresce la consapevolezza, cresce il desiderio...

E le tue mani...
Oramai non conoscono limiti.
E presto, troppo presto, mi accorgo di non portare più vestiti.
Sembra un sogno, ma le tue mani, quelle non smetto di sentirle veramente.
Le dita sottili si muovono nell'intimità di molti segreti.
E mi accorgo che certi limiti non li conoscevo nemmeno io.

Il mio corpo, il tuo corpo.
Li sento entrambi e vorrei...vorrei...

Ma..




permalink | inviato da LadyMarica il 13/11/2009 alle 1:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa
15 agosto 2009
222 RH negativo
"Sono sonnambula, per questo vado a letto con le scarpe."

Non lo so se Lunedì parto.
Forse ci ho già ripensato.
Sono incoerente e inaffidabile.
Totalmente.

Sono dispiaciuta e un po' delusa, da me stessa...credevo non avrei mai fatto... bè, la terza.
Non lo so, mi faccio un po' schifo...


Pessimismo acuto...

Ci vuole solo RH NEGATIVO, tutto il resto è inutile...

"Ho provato il veleno: non mi va giù…
Il rasoio non taglia più
Ho provato anche l’alta tensione, credi,
ma la pelle reagisce, chissà perché,
chissà com’è,
non so più fare a meno di vivere!
Sia come sia,
fammi in fretta l’eutanasia,
poi col tempo dimenticherai"
(RH NEGATIVO -R. ZERO)







permalink | inviato da LadyMarica il 15/8/2009 alle 4:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
17 luglio 2009
197 Prese di coscienza

“Kimmy è fuggita, Michael la insegue e tu insegui Michael?
E chi insegue te, Julianne?
Nessuno.
…capisci?
Non è te che vuole!
Lui vuole Kimmy…”
(Il matrimonio del mio migliore amico -Rupert Everett)

Vorrei un amico gay, di nome George a spiegarmi le cose.

Invece, oggi avevo Ce.

C: Allora hai scritto le 90 righe?
I: No, ho rinunciato, è inutile.
C: Perché non scrivi di 4 amiche.
I: “Di 4 amiche? Vuoi che faccia una descrizione di un’orgia tra quattro amiche lesbiche?”
C: “Ma quanto sei cretina!?
…ok, lascia perdere le amiche. Hai visto Gran Torino?
I: “Lo abbiamo visto insieme…perché?”
C: “Scrivi una storia simile…”
I: “E quale sarebbe una "storia simile"??”
C: “…a boh, puoi parlare di un vecchio burbero che si trasforma…”
I: “Ah, grande…copio il film quindi.”
C: “Boh, l’autrice sei tu!”

I consigli delle amiche sono sempre i "migliori"!
Meno male, anche per oggi li ho ignorati!

 

24 giugno 2009
180 un Wilde d(')annata(o)






Ieri sfogliando casualmente la Bibbia (- la mia Bibbia laica, completo Oscar Wilde- edito mondadori) mi sono imbattuta in un ottimo "testo".

La ballata del carcere di Reading Goal
(dove lo scrittore è stato incarcerato per la sua relazione omosessuale con Bosie -soprannome del giovane Alfred Douglas- [i motivi "formali sono altri ma per brevità..]).

In Reading Goal by Reading town
there is a pit of shame,
And in it lies a wretched man
Eaten by teeth of flame
In a burning winding-sheet he lies,
And his grave has got no name.


Nel carcere della città di Reading 
venne scavata una fossa di vergogna:
ora vi giace un uomo maledetto
divorato dai denti delle fiamme
e avvolto in un sudario incandescente
nella tomba rimasta senza nome.


(O.W. la ballata del carcere di Reading Goal -VI)


Metricamente e musicalmente parlando è migliore in inglese, ma poeticamente e liguisticamente la traduzione italiana (di Tommaso Giglio) *brilla*.
Le parole hanno un'immaginifico infinitamente superiore...per non parlare della ricchezza e della varietà delle stesse.

[ho riportato solo i versi semi-finali, è bella tutta però]
24 aprile 2009
Non credo che sarà una bella notte qualunque delle due io "scelga"!

" Una notte d'amore è un libro letto in meno"

 

Quindi senza aggiungere cazzate che in realtà avevo scritto ma che per buon gusto, almeno dell'estetica (e per non cadere proprio nel patetico) ho cancellato, vado a leggermi.."un libro"...(non di Balzac comunque).





permalink | inviato da LadyMarica il 24/4/2009 alle 0:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
16 aprile 2009
Oscar Wilde citofona sempre due volte
"A VOLTE E' MEGLIO TACERE E SEMBRARE STUPIDI CHE APRIR BOCCA E TOGLIERE OGNI RAGIONEVOLE DUBBIO"


Naturalmente Oscar Wilde.



Infatti sono caduta in una fase di silenzio cronico...impostomi dalle circostanze.


Sono ancora mezza addormentata...
Devo, per fingere serenità almeno in superficie, ancora stirarmi i capelli e trovare qualcosa di convincente da mettermi...tutto ciò in 20 minuti.


Ah, ieri sera è pure uscita la Del Santo dalla fattoria...ma perché a questi reality non vince mai chi voglio io?



Ecco, pure oggi ho perso la mia buona occasione per tacere...






Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. bah sto per perdere la pazienza

permalink | inviato da LadyMarica il 16/4/2009 alle 13:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
20 novembre 2008
RIMANENDO NEL SEMI-SACRILEGO...si fa per dire!!

Oggi vi propongo due aforismi terribilmente provocatori che mi è capitato di leggere in questi giorni...

Il primo del mio scrittore preferito, naturalmente Oscar Wilde...

Non vi è peccato, eccetto la stupidità.

Di impatto immediato, chiaro e lapidario;
fatto per essere contestato, distrutto...

E furono proprio questi aforismi ad essere utilizzati nel processo contro lo scrittore per dimostrare come egli fosse un uomo totalmente immorale , sacrilego, miscredente e malvagio...
Venne condannato naturalmente e da quell'esperienza è nata quell'opera meravigliosa che è il DE PROFUNDIS...

Ma non mi dilungo...

Il secondo, di cui non conosco l'autore, è certamente meno lapidario ma ugualmente interessante:

L'anima è eterna e quello che non fa oggi lo potrà fare domani. Il corpo passa presto e quello che non fa oggi non potrà farlo mai più.

Anti etico assolutamente, in breve ci suggerisce di pensare al nostro corpo, alla soddisfazione dei nostri desideri e non alla nostra anima che essendo immortale avrà il tempo per rimediare...sempre!!

Un meraviglioso concentrato di anti-religiosità...di anti-ipocrisia... 

Fa bene alla salute!! 





http://ladymarica.ilcannocchiale.it/?YY=2008&mm=9&dd=14   (forse per giustificarmi un po'!)







 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. aforismi Oscar Wilde sulla religione

permalink | inviato da LadyMarica il 20/11/2008 alle 17:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
31 ottobre 2008
CONDIVIDO? ...Ancora Oscar
E' molto meglio essere belli piuttosto che buoni. Ma è meglio essere buoni piuttosto che brutti.  

sempre Oscar Wilde.

non so se la condivido...ma è veramente di un effetto devastante...la prima volta che l'ho letta sono rimasta di stucco...ma poi ho capito che lui (Oscar) lo fa con il proposito di scandalizzare, di stupire e di travolgere.

Racchiude l'essenza stessa della nostra società e forse anche una critica ad essa...

anche se lui propabilmente esteta e dandy ci credeva davvero, almeno un po'...personalmente io credo che lui non fosse poi bellissimo esteticamente ma certo le sue opere, le sue parole lo fanno apparire uno degli uomini più affascinanti di tutta la storia...    (foto)


Mi propongo sempre di mettere lì la citazione bella e nuda, senza ricami o al massimo con due righe sul perchè della scelta e poi scrivo un papiro...e mi  sono limitata con i miei ragionamenti confusi...

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. oscar wilde aforismi dandy

permalink | inviato da LadyMarica il 31/10/2008 alle 22:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
29 ottobre 2008
Oscar Wilde
Sperduta tra i mille aforismi, i pensieri, le frasi e le idee di questo genio insuperato (io lo amo!) ho deciso di iniziare (nel senso che sicuramente ce ne saranno molti altri) da questo aforisma che ho letto proprio ieri sera:

prendete fiato, tirate a lucido la mente e cacciate i pregiudizi...

"Tutti i pensieri sono immorali. La loro vera essenza è la distruzione. Se pensi a una cosa la uccidi. Nulla sopravvive se viene pensato."

ancora Wilde



permalink | inviato da LadyMarica il 29/10/2008 alle 18:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
28 ottobre 2008
Nuova rubrica
Ho deciso di creare questa nuova rubrica per condividere frasi, parole, proverbi, citazioni ed aforismi famosi o meno...


Inizio con una frase tratta "giusizi universali" di Samuele Bersani

"TORRE DI CONTROLLO AIUTO STO FINENDO L'ARIA DENTRO IL SERBATOIO"

La canzone è famose per essere stata la colonna sonora del film "chiedimi se sono felice" con Aldo, Giovanni e Giacomo.

Inoltre siccome esprimeva bene i sentimenti di quest ultimi giorni l'ho anche usata come sottovoce del blog.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. samuele bersani giudizi universali

permalink | inviato da LadyMarica il 28/10/2008 alle 18:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Cerca
Feed
Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.
Curiosità
blog letto 1 volte


 

Scrivi per qualsiasi stramberia a
unimarica@hotmail.it

 

 

Curriculum vitae
[lo hanno detto di me]


se provi a toccarmi si cade e siamo nei sogni (Gianna Nannini)

ha un metaforico piercing sulla lingua (cit.)
 
un elegante stabilimento balneare (cit.)

un'aquila che si crede un pollo (cit.)

bambi incazzato con una predisposizione al sadomaso (cit.)

bieco genio del male (cit.)

la ladyoscar originale (semi-cit.)

tutta naso e coccole (cit.)

mi ricordi uno spaventapasseri (cit.)

ha più neuroni che tette (cit.)

te in arabia saudita staresti bene: col burqua non si vede nulla (cit.)

la tristezza fatta persona (cit. di Nonna)

berlinese (cit.)

ha il dono della parola (cit.)

tutt'altro che ripugnante (cit.)
 
Pubblicità e commercio di (tentati) valori (im)morali


(ricordatene sempre: il sesso è troppo bello per rimpiangerlo dopo)
 

(ringrziamo free per la gentile concessione)
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
(libertà di scegliere, anche il velo) 
 
 


 


Persone con cui condivido una qualche certa parentela
 
 
 

(Sirius Black)
 

(Lady Oscar)
 
(Alessandro Magno)
 
(Friedrich W. Nietzsche)
 
(Woody Allen) 
 
(Fabrizio De Andrè)
 
 
 
 

Che relazione c'è tra le mie idee ed il mio naso? Per me nessuna io non penso col naso nè bado al mio naso, pensando. Ma gli altri? Gli altri che non possono vedere dentro di me le mie idee e vedono da fuori il mio naso? Per gli altri le mie idee e il mio naso hanno tanta relazione che se quelle, poniamo, fossero molto serie e questo (il naso) per la sua forma molto buffo si metterebbero a ridere! (Luigi Pirandello -Uno, Nessuno e Centomila)

Credi che t'avrei lasciato solo a mangiarti il cuore nel buio e nella solitudine senza cercare d'aiutarti a sopportare l'amaro peso della tua ignomia? Credi che non t'avrei fatto sapere che se tu pativi, io pure pativo; che se tu piangevi, pure nei miei occhi erano lacrime; che se tu giacevi nella casa della schiavitù ed eri disprezzato dagli uomini, io con il mio dolore avevo costruito una casa in cui rinchiudermi fino al tuo ritorno, un forziere in cui riporre tutto quanto gli uomini t'avevano negato per restituirtelo alla tua guarigione centuplicato (Oscar Wilde- De Profundis)

Dio è l'unico essere che, per regnare, non ha nemmeno bisogno di esistere (Charles Baudelaire)

Io non è che sia contrario al martimonio, ma mi pare che un uomo e una donna siano le persone meno adatte a sposarsi (Massimo Troisi)

Il cinico è colui che, sentendo profumo di fiori, si guarda attorno per cercare la bara (H.L. Mencken)

La calma è una vigliaccheria dell'anima (Lev Tolstoj)

Mi sento come uno dei tanti. Se mi taglio sanguino. E mi imbarazzo facilmente (Michael Jackson)

Alle anime superficiali occorrono degli anni per liberarsi di un'emozione (Oscar Wilde)

Le donne che non riescono a rendere affascinanti i loro errori, sono solo femmine (Oscar Wilde)

Amo molto parlare di niente, è l'unico argomento di cui so tutto (Oscar Wilde)

Cerchi la profondità? Guarda in superficie (Friedrich Nietzsche)

Essere soddisfatti di sè significa essere vili e ignoranti [...], è meglio aspirare a qualcosa che essere ciecamente, e impotentemente, felici (E. A. Abbott)

Non v'è rosa senza spine; ma vi sono parecchie spine senza rosa (Arthur Schopenhauer)

pregiudizi sempre. Altrimenti non potremmo escludere che stando a misurare le distanze tra gli oggetti nella nostra stanza si troverebbe una cura per il cancro (cit.)

Tanto ad andare, quanto a star fermi manchiamo sempre qualcosa (teoria del movimento/ semi-cit.)

Se la matematica e la scienza prendessero il posto della religione e della superstizione nelle scuole e nei media, il mondo diventerebbe un luogo più sensato (Piergiorgio Odifreddi)

Non siamo soli a immaginare un nuovo giorno in Italia (Domani 21/04/2009)

Il mio tempo non è ancora venuto, alcuni nascono postumi (Friedrich Nietzsche)

Cosa sa più di pollo: spolpato o spappolato? (Mela Acerba cit.)

La vita è una cosa spiacevole ed io mi sono proposto di passare la mia a rifletterci sopra (Arthur Schopenahuer)

Al mondo non ci sono solo buoni, magari questo lo sapevo ma è diverso, viverlo sulla mia pelle, come ho fatto io con te (Tiziano Ferro -Ti voglio bene)

Nessuno, alla mia morte, mi decori di lacrime nè faccia funerali di pianto. Perché? Volo vivo tra le bocche degli uomini (Ennio, semi-tradotto)

Il denaro non dà la felicità, ma la sua mancanza vaforisce l'infelicità (Andrea G. Pinketts)

E poi a me spaventano più i cristiani che i cannibali: i cannibali di solito infieriscono su gente morta, i cristiani no (msdc cit.)

L'essere che, sotto il letto, aspetta di afferrarmi la caviglia non è reale. Lo so. E so anche che se sto bene attento a tenere i piedi sotto le coperte, non riuscirà mai ad afferrarmi la caviglia (Stephen King)

L'abito non fa il monaco; e neanche il monaco fa l'abito, se no sarebbe un sarto (cit.)

Un tradimento come il tuo, Lesbia, costringe ad amare di più, ma a voler bene di meno (Catullo)

Le streghe hanno smesso di esistere quando noi abbiamo smesso di bruciarle (Voltaire)

Non tornare mai indietro, neanche per prendere la rincorsa (Ernesto Che Guevara)

Farai l'amore per amore o per avercelo garantito? (Fabrizio De Andrè)

Non è che per avere treni puntuali dobbiamo beccarci per forza il fascismo (rip cit.)

Non mi piace definirmi bisessuale. Mi sembra di escludere un sacco di gente, hai capito? Magari i trans. Non mi sento bisessuale, mi sento polisessuale (Gianna Nannini)

A chiunque è concesso un quarto d'ora di stupidità, ma lei ha veramente perso il senso del tempo (cit.)

Definire è limitare (Oscar Wilde)

Ti insulteranno a gran voce e tu ridi, ti chiuderanno la bocca e tu scrivi, se ti picchieranno, se ti imporranno divieti tu fatti beffa dei tuoi padroni e canta i loro segreti (Consigli di un pirla -Articolo 31)

E' da uomo non addotrinato alla filosofia addossare ad altri la colpa dei travagli, da mezzo addottrinato l'addossarla a se stesso, da addottrinato non darla nè a se stesso nè ad altri (Epitteto)

Un nonnulla basta a consolarci perché un nonnulla basta ad affligerci (Pascal)

Due stereotipi diversi non danno una persona originale, ma uno stereotipo al quadrato (Muriel Barbery)

Per essere l'immacolato membro di un gregge bisogna prima di tutto essere una pecora (A. Einstein)

Ci insegnano a ricordare le idee e non l'uomo, perché l'uomo può fallire (V per Vendetta)

La filosofia è pericolosa, la filosofia vi rende dei disadattati permanenti (Roberto Finelli)

Combattere per la pace è come far l'amore per la verginità (John Lennon)

Se tu riguarderai a lungo in un abisso, anche l'abisso vorrà guardare dentro di te (Friedrich Niezsche)

un bondage di vaffanculo (Yaxara)

Il Mont-Blanc si regge su un equilibrio delicato, non è come la Sacher Torte (Nanni Moretti)



IL CANNOCCHIALE